Marilyn gli ultimi 3 giorni

nuda con accappatoio bluLa notte tra il 4 e il 5 agosto di cinquantaquattro anni fa moriva Marilyn Monroe. Una morte oscura che subito fu indicata come suicidio. Ma troppi misteri avvolgono la morte come la vita di quella donna bionda, curvosa e morbida che aveva letteralmente fatto perdere la testa a moltissimi uomini, famosi e non, e soprattutto ai tantissimi fans che riempirono di lettere la Fox.

La Fox in quel periodo era in crisi a causa delle riprese di Cleopatra i cui costi di produzione stavano lievitando a dismisura. Interprete del film era la rivale di Marilyn: Liz Taylor che proprio su quel set comincerà la sua grande storia d’amore con Richard Burton.

Marilyn invece sta girando Something got to give, il suo ultimo film, che rimarrà incompleto infatti non uscirà mai ma rimarranno celebri le foto di lei nuda in piscina.

marilyn's_bedroomMarilyn muore nella sua villetta di Brentwood, al numero 12305 di Fifht Helena drive, un quartiere tranquillo nella zona ovest di Los Angeles, l’unica casa che l’attrice abbia mai posseduto. Lì era contornata da persone che però non racconteranno mai cosa esattamente successe quella notte e i giorni che la precedettero. Quelle persone, la governante, lo psichiatra, il medico personale, il tuttofare, erano ricattabili perché comuniste e i comunisti allora in America non lavoravano oppure come Pat Newcomb, la sua assistente che diventerà a breve ufficio stampa alla Casa Bianca, un’amica dei Kennedy, e la stessa Marilyn ebbe una relazione con John, il presidente e suo fratello Bob, il ministro della giustizia, che proprio in quel periodo le avevano fatto sapere di non volerla più vedere.

Ma veramente si voleva suicidare Marilyn? Proprio ora che l’aveva spuntata con la Fox, che aveva creato la sua casa di produzione e aveva moltissimi progetti? Era instabile, certamente, ma chi non lo sarebbe con una madre ricoverata in ospedali psichiatrici e una nonna morta pazza? Chi non cercherebbe amore in maniera quasi maniacale se fosse stato abbandonato da piccolo e senza aver mai conosciuto il padre?

cover englishChe cosa successe allora negli ultimi giorni di vita? Cosa voleva fare e di chi veramente si fidava?

Io ho cercato di raccontare proprio questo ricostruendo gli ultimi momenti, le utlime ore attraverso un’opera teatrale, Marilyn gli ultimi 3 giorni, disponibile anche in inglese, Marilyn the last 3 days, in versione e book distribuito da Panesi Edizioni.