Aeroporti

Non so voi ma io amo gli aeroporti. Potrei passarci giornate intere senza annoiarmi. Sono quei non luoghi, identici, più o meno in tutto il mondo, accoglienti ma asettici, invoglianti e respingenti.

Ci andiamo non per scelta, nessuno di noi direbbe oggi vado a farmi un giro in aeroporto, ma ci capitiamo per forza ogni volta che dobbiamo prendere un volo. Oggi, a causa dei maggiori controlli dove ti fanno togliere anche le mutande, siamo costretti ad andarci con largo in anticipo e quindi siamo costretti a trascorrere del tempo all’interno di queste scatole che sono un vero melting pot sia dal punto di vista della differenza di persone che vi transitano, bianchi, neri, gialli, alti bassi, magri, grassi, biondi, castani, rossi, etc etc, ma anche per i diversi abbigliamenti infatti non è raro vedere nella stessa area una persona in bermuda, tutta abbronzata con i sandali, e un’altra infagottata in mille vestiti.

E non sono solo i passeggeri di Ryanair che per non pagare l’extra bagaglio, che poi costa più del biglietto, indossano tutto quello che hanno in valigia dichiarando di soffrire un freddo terribile.

Negli aeroporti, oltre a incrociare gente di tutte le razze, vediamo persone che arrivano o vanno nei posti più differenti spaziando dal caldo al freddo, da nord a sud, dall’estate all’inverno. Insomma quando non saprete cosa fare nelle attese più o meno lunghe in attesa del vostro volo, dirigetevi nei dutyfree shop. Un posto da sogno dove tutti i migliori prodotti di profumeria sono espositi dandoci il privilegio e il gusto sottile di provarli tutti. In aereo ci si disidrata a causa della pressurizzazione e allora nelle attese prima degli imbarchi tuffatevi letteralmente tra creme e profumi ed esagerate.

Profumatevi e incrematevi tutti scegliendo magari i prodotti più cari, quelli che non ci compreremmo mai, e poi salite come delle alici pronti ad essere fritti su quell’aereo che appena prende il volo ci avrà già asciugato tutto il superfluo. Buon volo, ovunque andiate