Cooperstown, un delizioso villaggio a nord di New York

foto 4Nello stato di New York, a quattro ore di macchina circa da Manhattan, che per le distanze americane è nulla, si arriva nella cittadina di Cooperstown situata sulle sponde del lago Otsego. Un luogo molto bello immerso nella natura, nei boschi che in questa stagione dell’anno si accendono di colori intensi che vanno dal giallo ocra al rosso vivo.

Fondata a fine ‘700 da William Cooper, padre di James che scrisse L’ultimo dei moicani, la cittadina è anche la capitale del baseball perché qui si giocò la prima partita della storia e dove oggi c’è un famoso museo nonché lo stadio del baseball, una bellissima costruzione degli anni ’30 del novecento.

Un tempo Cooperstown aveva una popolazione che superava i 3000 abitanti, mentre oggi  arriva a 1850, ed è essenzialmente un luogo di villeggiatura piuttosto WASP (White Anglo-Saxon Protestant) di persone che vanno a pescare sul lago o a giocare a golf nel campo che si trova accanto al più grande albergo, molto grande e lussuoso, che affaccia sul lago. Albergo di inizio ‘900 che una volta era un college per signorine benestanti e forse un po’ inquiete che venivano mandate a studiare qui, in mezzo al nulla, dalle loro facoltose famiglie newyorkesi.

foto 1Cooperstown è un luogo rilassante dove una volta sorgeva una stazione oggi trasformata in museo. Le case di stile coloniale color pastello sono sparse tra la Main street e il lungolago. Una volta, questo villaggio in mezzo ai boschi, era un luogo colto infatti c’erano diversi teatri e lo stesso James Finmore Cooper, figlio del fondatore e che morì qui, ambientò in queste zone molti dei suoi romanzi.

foto 5Per soggiornare qui ci sono varie opzioni per tutte le tasche: dall’Otesaga Resort Hotel, un albergo di lusso, molto grande con campo da golf e vari ristoranti fino ai semplici motel stile film americani anni ’50 passando per vari lodge, pensioni e bed and breakfast. Insomma se siete da quelli parti una visita la merita e tra l’altro, per arrivarci, si intende in macchina da New York, si passa dal bellissimo parco di Catskill dove si trova la mitica Woodstock. Sì, quella del concerto più famoso del mondo.