I druidi in Liguria




  1. image L’entroterra ligure è pieno di paesi arroccati con le case di pietra e le coltivazioni a terrazza. Molti di questi sono disabitati o quasi però d’estate si popolano: alcuni sono i locali che vivono sulla costa e hanno una casetta spesso sistemata da loro stessi oppure arrivano i turisti tedeschi, inglesi e francesi. Nella riviera di ponente vicino al confine con la Francia i paesi sorgono anche a 1000 metri. Tra questi Baiardo, un paese che d’inverno conta un centinaio di abitanti. Baiardo è posizionato in cima a un colle e sembra uno dei vari paeselli che esistono da queste parti. imageArrampicandosi fino alla chiesa più in alto, quella di San x, si scopre che è stato fondato nel 3000 a.C. dai Druidi, antichi sacerdoti pagani che consideravano quel luogo come un centro di grande forze magnetiche, di particolare intensità energetica, e vi fondarono un tempio in seguito convertito a chiesa. Oggi quella chiesa esiste ancora ma senza il tetto perché è venuto giù alla fine dell’800 a causa di un terremoto che ha ucciso 200 persone, comprese tra i 10 mesi e gli 85 anni, cioè un quarto della popolazione.

  2. imageI druidi coltivavano erbe di cui si nutrivano e proprio sotto la chiesa si trova il giardino di Bach con tutte i suoi fiori curativi in modo particolare contro l’ansia. Oggi sono moltissime le case in vendita ma Baiardo ha ancora quell’aurea magica che attira giovani stranieri che affittano case con la vista a perdi fiato sulle Alpi marittime fino alla Francia. Certo rimane un mistero il fatto che un gruppo di sacerdoti si sia arrampicato fin lassù in epoche lontane. Oggi Baiardo mantiene intatta una certa magia e attira giovani soprattutto stranieri.