Venezia alternativa

IMG_2362Venezia, si sa, è una città piena di turisti e spesso diventa irritante camminare per calli e campielli senza sentirne la fastidiosa e invadente presenza.

Ci sono però delle zone totalmente off ai turisti, semplici aree leggermente periferiche rispetto a San Marco e Rialto, dove si può passeggiare in pace e ascoltare nei passanti il dolce accento veneziano.

 

Il sestiere Castello, tra l’altro il più esteso e secondo per numero di abitanti, si estende nella zone est della città, dopo l’arsenale, luogo di vitale importanza per la Serenissima, ed è una zona tranquilla e piena di veneziani. IMG_2260Il nome deriva da una fortificazione medievale.

Passeggiando per le calli si possono trovare vecchi artigiani e i negozi di una volta. Qui sicuramente non troverete cingalesi che vi vendono porcherie o bar per turisti che vi spennano. Qui regna la calma, la gente passeggia e ciacola, per strada.

Dall’altra estremità della città, si trova Santa Marta, quartiere popolare e fino a poco tempo fa abbastanza malfamato. IMG_2361

Oggi, dopo aver riqualificato la zona con restauri dei vecchi magazzini, dell’ex cotonificio e l’inserimento della facoltà di architettura, tutta l’area ha cambiato aspetto.

Anche da queste parti si può passeggiare tranquillamente senza incrociare i soliti turisti se non quelli che scendono dalle grandi navi, pronti a invadere la città. In questa zona meritano una visita le chiese di San Nicolò, una delle più antiche della città, e San Sebastiano.

Sia a Castello che a Santa Marta si vedono i panni stesi alle finestre cosa che non avviene nel resto di Venezia. Inoltre sono zone abbastanza verdi con giardini e parchi.